Antola – Tigullio, arrivano oltre sei milioni: “L’obiettivo è rafforzare la viabilità”



Dall’ufficio stampa del Pd Liguria

Sono circa 19 milioni di euro le risorse che arriveranno alla Liguria per garantire la manutenzione, l’accessibilità e la sicurezza delle strade interne che collegano i territori dell’entroterra con la città. Si tratta dei fondi stanziati dal governo con il decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile siglato il 27 settembre scorso insieme al Ministero per il Sud e la Coesione Sociale e al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I fondi liguri verranno suddivisi tra le quattro aree interne della Regione (Alta Valle Arroscia, Antola Tigullio, Beigua-Sol e Val di Vara. L’area dell’Antola-Tigullio riceverà oltre 6milioni di euro ripartiti in 6 anni – dal 2021 al 2026 – che serviranno per la manutenzione e l’agibilità delle strade di competenza regionale, provinciale o comunale che garantiscono o sono l’unico collegamento tra le aree interne e il centro cittadino.

“Si tratta di un’occasione importante che nasce dal fondo complementare del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. L’obiettivo, anche in questo caso, è quello di migliorare i collegamenti delle aree interne, rafforzare la viabilità, garantire la sicurezza e intervenire sul dissesto in realtà che hanno bisogno di maggiori investimenti, per contrastare lo spopolamento e l’abbandono del territorio. Ora Città Metropolitana e Regione si attivino per censire i fabbisogni delle aree interessate e sviluppare progetti concreti”, commenta il capogruppo del Partito Democratico in Regione Luca Garibaldi.

Le risorse sono state suddivise in base a dei criteri precisi: la popolazione residente (peso del 40%), l’estensione delle strade (30%), l’esistenza di rischi derivanti dalla classificazione sismica dei territori e dell’accelerazione sismica (10%) e dall’esistenza si situazioni di dissesto idrogeologico e relativa entità (20%).

Per ottenere queste risorse bisogna presentare i progetti entro metà ottobre. Data entro la quale il soggetto attuatore delle aree interne dell’Antola-Tigullio deve convocare l’Assemblea dei Sindaci individuando gli interventi prioritari da effettuare sulla rete stradale e definire la programmazione, e il tutto dovrà essere presentato alla Direzione Generale per le strade e le autostrade del Ministero entro il 31 dicembre 2021. La Regione in questo avrà un ruolo di coordinamento delle attività facendo una sintesi tra le richieste dei territori e la pianificazione generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *